Post

L’Accettazione dell’eredità per vendere la casa

Quando si vende un immobile pervenuto da un’eredità, per poter stipulare il contratto notarile di compravendita è necessario un atto notarile chiamato trascrizione dell’accettazione dell’eredità.  L’Accettazione dell’eredità  è una dichiarazione resa con un atto pubblico e formale, solitamente davanti al Notaio, con la quale l’erede afferma la sua volontà ad accettare l’eredità lasciata dal defunto congiunto e il cui diritto ha inizio dal momento della apertura della successione. Si chiama tacita, se l’erede o gli eredi non effettuano la dichiarazione ma mettono in pratica comportamenti che manifestano la volontà tacita di accettare e rientrano: il figlio che continua a vivere nell’appartamento del padre defunto, l’erede che si trova a qualsiasi titolo nel possesso dei beni ereditari, la donazione, la vendita o la cessione di uno dei beni ereditati. L’accettazione di eredità è un documento indispensabile al momento della vendita della casa, quindi il NOTAIO, nel momento in cui si va a…

I criteri per la concessione dei mutui casa della Regione Valle d'Aosta

Immagine
Nella Giunta regionale del 30 ottobre 2017 con delibera n. 1480 è stato approvato il testo riguardante le nuove modalità di concessione dei mutui a tasso agevolato per la prima abitazione e per il recupero edilizio privato.

Si riportano sinteticamente alcuni dei criteri adottati:
NUCLEO FAMILIARE Il nucleo familiare del richiedente si intende costituito da tutti i soggetti, anche non legati da vincoli di coniugio, affinità o parentela di primo grado, che alla data di presentazione della domanda di mutuo compongono la famiglia anagrafica.
LIMITI MASSIMI I mutui per l’acquisto, la nuova costruzione e il recupero possono essere concessi nella misura massima di euro 180.000,00
DURATA DEI MUTUI i mutui sono ammortizzabili in anni trenta e su richiesta del soggetto interessato può essere ridotto a venticinque, venti o quindici anni. A scelta del richiedente le rate possono essere semestrali o mensili.
GARANZIE I mutui sono garantiti da ipoteca di primo grado da parte della FINAOSTA spa.
REQUISTI …

Tassazione di vendita della casa ereditata: plusvalenza e imposte

Immagine
I soggetti che ricevono in eredità beni immobili e diritti reali immobiliari hanno l’obbligo di presentare la dichiarazione di successione e pagare, se dovuta, l’imposta di successione. L’imposta di successione è calcolata dall’Agenzia delle Entrate in base alla dichiarazione presentata. Una volta fatto ciò è possibile che si voglia vendere la casa.



In genere, un immobile acquistato e rivenduto prima dei 5 anni è soggetto a tassazione sulla plusvalenza. La plusvalenza altro non è che la differenza di valore tra prezzo di vendita e prezzo di acquisto di un immobile. Questo valore è considerato un guadagno in quanto la vendita entro 5 anni viene considerata come attività speculativa e dunque va tassata con un'aliquota del 20%. Ovviamente se non c'è plusvalenza non c'è tassazione.  Nel caso di vendita di una casa ereditata invece non si è soggetti a tassazione sulla plusvalenza se la vendita è successiva ai 5 anni. Si è soggetti ad una tassazione del 5% sulla plusvalenza nel cas…

Entra in vigore il “Deposito prezzo al Notaio”

Immagine
In data 29 agosto 2017 è entrata in vigore la disciplina del deposito prezzo facoltativo presso il Notaio costituita dall’art. 1 legge 27 dicembre 2013, n. 147.
Il comma 63 lett. C) prevede espressamente che il Notaio è tenuto a versare su apposito conto corrente dedicato: l’intero prezzo o corrispettivo ovvero il saldo degli stessi, se in tal senso richiesto da almeno una delle parti. Il comma 66 recita poi: “ Eseguite la registrazione e la pubblicità dell’atto ai sensi della normativa vigente, verificata l’assenza di gravami e formalità pregiudizievoli ulteriori rispetto a quelle esistenti alla data dell’atto o da questo risultanti, il Notaio provvede senza indugio a disporre lo svincolo degli importi depositati agli aventi diritto”. Gli interessi maturati sul conto, non saranno incassati dal proprietario, ma dallo Stato Italiano, che li destinerà ad un fondo per le piccole e medie imprese.




Ambito di disciplina – Atti di trasferimento della proprietà o di trasferimento, costituzione …

Con l'home staging la casa si vende in un terzo del tempo

Immagine
Con l’home staging la casa si vende più velocemente. Grazie a una presentazione degli ambienti più studiata e accurata, l’acquirente è infatti in genere più invogliato alla visita dell’immobile e al conseguente acquisto. Così la tempistica si può ridurre addirittura di oltre i 70%. Ma in cosa consiste l’home staging? Cambiare la disposizione dei mobili, dare un tocco del giusto colore, scegliere i complementi più adatti e curare l’illuminazione. Bastano pochi interventi, non strutturali e temporanei, assieme a un servizio fotografico realizzato da un professionista, per cambiare volto a una casa e far scattare il colpo di fulmine con i compratori.

L’home stager è un professionista che unisce conoscenze di arredamento d’interni, decorazione, fotografia e marketing immobiliare per presentare al meglio un immobile destinato alla vendita. Non ristruttura la casa, né l’arreda in modo definitivo. L’home stager mette in scena l’abitazione con il preciso obiettivo di svelarne tutte le potenzial…

La casa ben presentata fa scendere i tempi di vendita

Immagine
LA CASA BEN PRESENTATA FA SCENDERE I TEMPI DI VENDITA
Una casa ristrutturata aumenta il proprio valore fino al 19% (12% al netto delle spese per i lavori) e può fruttare un affitto più alto del 22% rispetto alla media. Non solo, secondo una simulazione di Immobiliare.it i tempi di vendita calano da 6,6 a 5,4 mesi e quelli di locazione da 4,6 a 3,5.


Sono stati ipotizzati due tipi di intervento su un bilocale di 52 mq in una grande città. Il primo “pacchetto” comprende il rifacimento del bagno, la tinteggiatura delle pareti, la revisione dell’impianto elettrico e alcuni infissi nuovi, per un costo medio stimato di 5.700 euro. Il risultato è un aumento di valore del 12% e il calo dei tempi di vendita da 6,6 a 6,1 mesi. Aggiungendo poi un “pacchetto comfort” composto da antifurto, condizionatore monosplit e zanzariere, del costo di altri 2mila euro, si aggiunge un ulteriore 7-8% ai valori di vendita e affitto, con i tempi che scendono rispettivamente a 5,4 e 3,5 mesi. Ipotizzando, in base a…

Testamento o donazione per lasciare i propri beni ai figli?

Immagine
Quando si decide di devolvere parte o l’intero patrimonio ai prossimi congiunti, il dubbio frequente è se sia più opportuno farlo già in vita tramite una donazione oppure lasciare un testamento in cui vengano assegnati i propri beni a parenti ed amici. Nell’uno o nell’altro caso è necessario rispettare la quota di legittima. Infatti il patrimonio ereditario si compone di una quota disponibile, che si può lasciare a chiunque si desideri, e di una quota indisponibile di beni, destinati dalla legge a determinati soggetti (coniuge, figli e ascendenti del defunto): la c.d. legittima o quota riservata. Questa quota non può essere intaccata nemmeno per volontà espressa del defunto.
Molto spesso la donazione di beni immobili non è consigliata nel caso in cui si voglia rivendere immediatamente il bene; questo perché la legge prevede la possibilità per gli eredi legittimi di richiedere la restituzione del bene donato qualora leda la propria quota di legittima. Per questo motivo le banche sono spe…

Proposta di acquisto e compenso del mediatore

Immagine
Spesso il venditore affida l’incarico di vendita a un’agenzia immobiliare per la ricerca di un potenziale acquirente. L’agente immobiliare, in possesso dell’incarico di vendita, cerca sul mercato i potenziali acquirenti, facendo sottoscrivere, di norma anche a più di un interessato, una “proposta d’acquisto”. Costituisce una seria proposta di acquisto quella che preveda il preventivo versamento della caparra del prezzo di vendita e le dovute informazioni sulla persona del proponente al fine di mettere il venditore nella condizione di verificarne la solvibilità e l’affidabilità. Con la proposta irrevocabile di acquisto il proponente acquirente si impegna a tenere ferma la proposta per un determinato periodo di tempo.

La proposta deve avere la forma scritta e devono essere presenti i seguenti elementi indispensabili: -Dati di venditore e acquirente; -indirizzo, descrizione e prezzo della casa; -Termine entro il quale il venditore deve accettare la proposta; -Tempi dei pagamenti, data e luogo…