Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2017

Quali sono i rischi e gli accorgimenti da seguire quando si acquista "sulla carta"?

Immagine
Informazioni preliminari e cautela negli acconti sono le parole chiave. E’ bene partire leggendo con attenzione il capitolato, per comprendere il più possibile le metodologie costruttive e la classe energetica. Ed è opportuno chiedere informazioni dettagliate sui costi di gestione e di riscaldamento. Occorre poi informarsi sull’impresa verificando tramite una visura camerale se ha anni di attività alle spalle, o chiedendo agli agenti di zona quali altri edifici abbia già costruito e commercializzato.




La legge obbliga il costruttore a consegnare una fideiussione all’acquirente nel momento del preliminare di compravendita: questa serve da garanzia in caso di fallimento, amministrazione straordinaria, concordato preventivo o liquidazione coatta. Nei fatti, però, la maggior parte delle trattative avviene senza questo elemento. Tanto è vero che la norma obbligherebbe a inserire, nel preliminare, gli estremi della fideiussione. Ma in caso di omissione, non sono previste sanzioni per l’impres…

Comprare con mutuo o affittare casa?

Immagine
La casa in cui si vive conviene affittarla o comprarla? Per evitare di fare una scelta legata all’emotività ci si può aiutare coi numeri. Che oggi sembrano consigliare l’acquisto. Il mix di prezzi e tassi ai minimi storici, la tassazione agevolata sulla prima casa, la concorrenza tra le banche nell’offerta di finanziamenti e i rendimenti risicati offerti dai Btp fanno pendere l’ago della bilancia verso l’acquisto con mutuo piuttosto che l’affitto. E ciò resta vero anche se la rata da sborsare per rimborsare il prestito può risultare più alta dell’affitto, soprattutto per le case di più ampia metratura. D’altronde, tolto il costo degli interessi e degli oneri per la compravendita, la parte versata per rimborsare il capitale è una sorta di piano di accumulo che si investe nel mattone. Il tutto è vero a condizione che si abbia una quota di capitale pari ad almeno il 20% del valore dell’abitazione. Senza dimenticare che per ammortizzare i costi dell’acquisto di una casa bisogna viverci pe…

Bonus casa in classe A e B: detrazioni IVA 50% anche nel 2017

Immagine
Con il decreto Milleproroghe viene confermata per il 2017 la riduzione al 50% dell’Iva per l’acquisto di case ad alta efficienza energetica Buone notizie per chi sta per acquistare una casa a basso impatto energetico. È stato infatti approvato l’emendamento al Milleproroghe che chiedeva di estendere fino al 31 dicembre 2017 la detrazione d’imposta pari al 50% dell’Iva pagata al costruttore per le case di classe energetica A e B.



I REQUISITI – Si tratta, nello specifico, delle case ad alta prestazione energetica, ovvero gli immobili costruiti secondo specifici requisiti e di classe energetica A e B. La detrazione è pari al 50% dell’imposta dovuta sul corrispettivo d’acquisto dal costruttore ed è ripartita in dieci quote costanti nell’anno in cui sono state sostenute le spese e nei nove periodi d’imposta successivi.
Le case per le quali si può richiedere la detrazione IVA del 50% devono essere acquistate entro il 31 dicembre 2017. La detrazione del 50% dell’Iva è riconosciuta anche in cas…